fbpx

Noi di TIPA® creiamo imballaggi che si comportano proprio come i rifiuti organici. La natura non si accorgerà neanche della nostra esistenza.

TIPA è stata fondata nel 2010 da Daphna Nissenbaum e Tal Neuman per far fronte alla minaccia che gli imballaggi in plastica flessibile rappresentano per l’ambiente. La mission è produrre alternative prive di residui tossici, microplastiche o altri inquinanti.

TIPA punta a produrre confezioni flessibili con lo stesso fine vita dei rifiuti organici, ma che mantengano intatte le qualità della plastica tradizionale su cui i consumatori e i produttori fanno affidamento da sempre, ovvero durevolezza, trasparenza, barriera, saldabilità, stampabilità e durata a scaffale. Le soluzioni di imballaggio di TIPA sono perfettamente compatibili con i macchinari industriali e con la filiera di produzione tradizionale. Le confezioni compostabili possono soddisfare gli stessi standard di prestazione della plastica tradizionale.

Il ritorno a un'economia circolare

Il segmento del tradizionale packaging in plastica flessibile è in rapida crescita, eppure storicamente ne viene riciclato meno del 4%. La plastica flessibile rappresenta la fonte di inquinamento n. 1 per i nostri mari, con un minimo di 5M tonnellate (su 11M) sversate ogni anno.

 

A differenza della plastica rigida, per le confezioni in plastica flessibile manca una soluzione circolare, in quanto sono spesso realizzate con una miscela di materiali diversi. Inoltre, si tratta di imballaggi contaminati dagli alimenti e troppo leggeri per essere separati e riciclati. Per i brand e i consumatori, il vantaggio della plastica flessibile monouso sta nel fatto che è una soluzione economica, leggera e compatta. TIPA ha sviluppato una confezione che conserva le medesime qualità, con la differenza che i materiali utilizzati vengono reimmessi nella biosfera senza impatti.

 

Noi di TIPA crediamo che il packaging dovrebbe far parte di un’economia circolare in cui i materiali prodotti possono essere riutilizzati per un altro prezioso obiettivo: le nostre confezioni compostabili si biodegradano in un fertile compost, lasciando come impronta le medesime sostanze nutritive dei rifiuti organici.

Soluzioni per l’industria alimentare e della moda

TIPA si concentra sull’industria alimentare e sull’industria della moda, due segmenti che richiedono un volume molto elevato di confezioni flessibili.

Sacchetto aperto

Settore alimentare

L’industria alimentare consuma oltre il 60% degli imballaggi in plastica flessibile. Il nostro obiettivo è offrire soluzioni compostabili che possano sostituire le confezioni tradizionali in plastica flessibile. Produciamo un’ampia gamma di applicazioni destinate a questo segmento, come confezioni per alimenti secchi, ortofrutta, carne, spezie, alimenti in polvere, caffè, integratori, barrette e altro ancora. La nostra offerta include film monostrato di diversi spessori adatti al compostaggio domestico e laminati multistrato adatti al compostaggio industriale di diversi spessori e con diverse proprietà di barriera.

Esplora la nostra gamma di soluzioni dedicate agli Alimenti secchi e ai Prodotti ortofrutticoli.

bustacon chiusura zip

Moda

Secondo le stime, l’industria della moda utilizza ogni anno circa 180 miliardi di buste di plastica per confezionare i capi di abbigliamento e gli accessori. Con l’aumentare della consapevolezza dell’inquinamento causato dalla plastica, i marchi stanno cercando soluzioni alternative per confezionare i loro prodotti.
TIPA fornisce confezioni completamente compostabili: bustecon chiusura zip, buste richiudibili, copriabiti e altro ancora. Con le soluzioni TIPA, c’è un’alternativa alle confezioni in plastica monouso nell’industria della moda e dell’abbigliamento.

Esplora il nostro portafoglio dedicato alla Moda.

TIPA®️ rispetta gli standard di compostabilità, EN 13432, ASTM D6400, AS 4736/AS 5810 e TÜV OK Compost Home. I nostri prodotti sono certificati TÜV Austria, Din Certco, BPI e ABA per il compostaggio industriale, oppure sono certificati per il compostaggio domestico da TÜV Austria e ABA.

La tua azienda vuole convertirsi ai materiali compostabili?