fbpx

Copriabiti compostabile

Copriabiti

Realizzato in film

Questi copriabiti compostabili in casa sono realizzati con il film monostrato di Tipa, trasparente, leggero, resistente e stampabile. Un’alternativa ecologica ai tradizionali porta abiti per proteggere i capi di abbigliamento più delicati, come abiti da donna, maglie, completi da uomo, pantaloni e abiti da sera. I nostri copriabiti possono essere personalizzati con una stampa monocromatica per inserire la comunicazione del marchio, l'avvertenza di pericolo di soffocamento, la certificazione di compostabilità e le indicazioni per lo smaltimento. I copriabitipossono essere personalizzati per indumenti lunghi, corti o di media lunghezza. Ogni set di confezioni viene fornito sotto forma di rotolo per ottimizzarne il volume di stoccaggio.

Caratteristiche:

  • I copriabiti vengono prodotti in rotoli con una linea perforata per poterli strappare con facilità.
  • Con la stampa flessografica e digitale monocromatica è possibile personalizzare la comunicazione del brand per ottenere il massimo impatto visivo e veicolare i valori dell’azienda.

Utilizzi suggeriti:

Abbigliamento

Minimo d’ordine per ogni misura/design:

A partire da 25.000 unità.

Ogni confezione compostabile viene realizzata su misura, con dimensioni e design personalizzati.

Per quantità inferiori, effettua la pre-iscrizione al nostro Stock Program.    

Il copriabiti può essere realizzato in:
TIPA 303
Aspetto
Transparente
 Caratteristiche
Compostabile in ambiente industriale
Compostabile in ambiente domestico
Stampabilità
Spessore (µ)20-30
Strati Monostrato
TIPA 303 Inquiry
Il copriabiti può essere realizzato in:

TIPA 302

Hai domande? Lasciati consigliare dai nostri esperti in soluzioni di packaging.
Copriabiti1

Quando Gabriela Hearst ha deciso di abbandonare la plastica, doveva trovare una nuova soluzione per le sue confezioni

“La plastica danneggia l’ambiente, per questo motivo stiamo implementando l’utilizzo delle confezioni sostenibili TIPA®. TIPA® è la soluzione a un grande problema.”

Gabriela Hearst